Capitulum Generale
Ordinis Fratrum Minorum
Portiunculae (S. Mariae Angelorum)
24.V.2003 - 21.VI.2003

email: comgen@ofm.org - Tel: +39-075-8043530 Fax: +39-075-8051283

   
 

Press coverage - Rassegna Stampa - Reseña de Prensa


Vidimus Dominum 03.06.2003

Frati Minori: padre Bini sollecita riscoperta
della spiritualità e missionarietà

Concluso al capitolo l'esame sulla relazione del governo dell'Ordine

Assisi (Italia), 3 giugno (VID) – Per “chiostro” il “mondo intero”, e come ambito di impegno i “luoghi di frattura”, scrive padre Giacomo Bini, Ministro generale OFM, nella terza parte della sua relazione introduttiva al Capitolo generale in corso ad Assisi, delineando le prospettive missionarie della Congregazione. Il Capitolo ha concluso la prima settimana di lavori, dedicati appunto all’esame della relazione del governo dell’Ordine.

“La nostra spiritualità – scrive padre Bini – è, nella sua radice, una spiritualità dell’incontro, dell’andare verso l’altro; non prevede, primariamente, una quieta attesa, sia essa claustrale, o organizzativa o progettuale, vissuta a tavolino nel chiuso di un ufficio.

Dovremo anche riflettere e rivedere tanti servizi di supplenza che, pur essendo utili alla Chiesa, assorbono troppo il nostro essere e il nostro fare, ci tolgono le ali della profezia, limitano il nostro campo di testimonianza evangelica, richiudendo la missione al circolo chiuso dei pochi praticanti che ancora frequentano le nostre case e le nostre chiese”.

Sull’esempio di san Francesco, ai frati “spetta andare alle folle non più (o non ancora) cristiane, tanto numerose in tutto il mondo, che non credono né a Dio, né al Cristo, né alla sua Chiesa. A noi tocca il compito di aiutare a cambiare la religiosità consumistica e interessata di tanta gente in fede viva e vivificante nel Cristo risorto. Ma occorre partire, iniziare”.

Inoltre la presenza dei frati deve diventare significativa a partire dai “luoghi di frattura”, dove è forte l’emarginazione, la miseria, l’ingiustizia, la sopraffazione, la violenza. “Una nuova ondata missionaria potrebbe essere la sorgente di un rinnovamento profondo dell’Ordine”, ma soprattutto – rileva il Ministro generale – “dove crediamo di andare, se stiamo solo fuggendo da noi stessi e dagli altri?”perché “la nostra stessa vita con Dio” è il primo “luogo di frattura” e di presenza.

La metodologia missionaria che incontra “maggiori resistenze”, ha sottolineato padre Bini, “è proprio quella evangelica, l’andare due a due per il mondo, l’andare riconciliati in Fraternità”, perché “richiede la rinuncia al nostro individualismo, ma è in sintonia con il Vangelo, più corrispondete alla nostra vocazione e missione, più significativa e comprensibile per il mondo in cui viviamo, sempre più provato da divisioni, violenze e guerre”.

Per quanto riguarda invece le strutture, la relazione sottolinea in modo esplicito la necessità di tornare alla Regola originaria, alla fiducia tra le persone, all’importanza della mediazione dell’autorità preposta. Anche se – aggiunge – è sempre possibile qualche aggiustamento, soprattutto in ordine alle “strutture intermedie”.

“Dopo sei anni di esperienza insieme al Definitorio generale abbiamo notato spesso un vuoto, come la mancanza di un anello di congiunzione tra Ministro generale e singoli Ministri provinciali. Si dovrà seriamente riflettere su come valorizzare le Conferenze nell’impegno di coordinamento e di accompagnamento delle singole Entità locali”.

Friars Minor: Father Bini Asks for the
Rediscovery Of Spirituality And Missionary Life


The test on the relationship of the government of the Order was ended at the Chapter

Assisi (Italy), June 3rd (VID) – As “cloister” the “entire world”, and as a place of commitment “fracture places”, writes Father Giacomo Bini, General Minister OFM in the third part of his introductory report at the General Chapter in progress at Assisi, drawing the missionary perspectives of the Congregation. The Chapter has finished the first week of works, precisely devoted to the examination of the relationship of the government of the Order.

“Our spirituality –Father Bini writes- is, in its root, a spirituality of encounter, of going towards the other, it does not foresee, primarily, a quiet wait, neither religious, organisational or of project nature, lived in theory inside an office”.

Following Saint Francis’s example, the bothers “should find the crowds who are not any more (or not yet) Christian, so numerous in all the world, who do not believe neither in God nor in Jesus nor in Church. It is our duty to help change interested religiosity of so many people in real and vivifying faith on a resurrected Christ. But it is necessary to depart, to begin”.

Besides, the presence of the brothers must become important at the “fracture places” where outcasts, misery, injustice, oppression and violence. “A new missionary wave could be the origin of a deep renewal of the Order” but, above all –the General Minister affirms- “Where do you think we are going if we are only escaping form ourselves and from the others?” because “our same life with God” is the first “fracture place” and of presence.

Father Bini has highlighted that Missionary methodology meeting “more resistance” is the evangelic one, going in pairs around the world, being reconciled in Fraternity” because “It requires giving our individualism up, but it is in accordance with the Gospel, more correspondent to our vocation and mission, more significant and comprehensible for the world in which we live, always tested by divisions, violence and wars”.

Regarding structure, the report focuses on an explicit way, the need to return to the original Rule, to faith among people, to the importance of mediation by the preferred authority. Even if –he adds- any adjustment is always possible, especially in “intermediate structures”.

”After six months of experiences together at the general Chapter we have often noticed a void, as a lack of a conjunction ring between the General Minister and the single Provincial Ministers. The way in which to value the Conferences of commitment of coordination and accompaniment of the single local Entities must be seriously thought about.

Frailes: el p. Bini invita al redescubrimiento
de la espiritualidad y de la dimensión misionera


El capítulo ha terminado de examinar el informe presentado por el gobierno de la Orden

Asís (Italia), 3 de junio (VID) – Como "claustro" el "mundo entero", y como ámbito de actividad los "lugares de fractura", escribe el p. Giacomo Bini, Ministro general OFM, en la tercera parte de su relación introductoria al Capítulo general en curso en Asís, en la que traza las perspectivas misioneras de la Congregación. El Capítulo ha concluido la primera semana de trabajos dedicada al examen de la relación del gobierno de la Orden.

"Nuestra espiritualidad – escribe el p. Bini – es, en su raíz, una espiritualidad del encuentro, del salir al encuentro del otro. No está prevista una espera idílica, de tipo claustral, organizativo o proyectual, vivida en abstracto entre las paredes de una oficina.

Tenemos que revisar también tantos servicios de suplencia, que son útiles para la Iglesia pero absorben demasiado nuestro ser y nuestro hacer, nos cortan las alas de la profecía, limitan nuestro campo de testimonio evangélico, restringen la misión al círculo cerrado de los pocos practicantes que todavía frecuentan nuestras casas y nuestras iglesias".

A ejemplo de san Francisco, a los frailes "corresponde ir hacia las multitudes tan numerosas en todo el mundo que ya no son cristianas o que todavía no lo son, que no creen en Dios, ni en Cristo, ni en su Iglesia. A nosotros nos corresponde la misión de ayudar a cambiar la religiosidad consumista e interesada de tanta gente en una fe viva y vivificante en Cristo resucitado. Pero es necesario partir, comenzar".

Además, la presencia de los frailes ha de llegar a ser significativa a partir de los "lugares de fractura", donde se manifiesta con fuerza la marginación, la miseria, la injusticia, la vejación, la violencia. "Una nueva oleada misionera podría ser la fuente de una renovación profunda de la Orden", pero sobre todo– señala el Ministro general – "¿a dónde creemos que estamos yendo si sólo estamos huyendo de nosotros mismos y de los demás?" porque "nuestra misma vida con Dios" es el primer "lugar de fractura" y de presencia.

La metodología misionera que encuentra "más resistencia", ha subrayado el p. Bini, "es la evangélica, la de ir de a dos por el mundo, reconciliados en Fraternidad", porque eso "exige la renuncia a nuestro individualismo, pero está en sintonía con el evangelio, más acorde con nuestra vocación y misión, más significativo y comprensible para el mundo en el que vivimos, cada vez más lacerado por divisiones, violencias y guerras".

Por lo que se refiere a las estructuras, la relación subraya expresamente la necesidad de volver a la Regla originaria, a la confianza entre las personas, a la importancia de la mediación de la autoridad competente. Si bien – añade – siempre es posible efectuar ajustes, sobre todo a nivel de las "estructuras intermedias".

"Después de seis años de experiencias junto al Definitorio general hemos notado muchas veces un vacío, algo así como la falta de un eslabón de enlace entre Ministro general y los Ministros provinciales. Hay que reflexionar seriamente sobre cómo valorizar las Conferencias en la labor de coordinación y de acompañamiento de cada una de las Entidades locales".

-------------------------------------
Europaquotidiano 03.06.2003

«Aiutare i cristiani e promuovere la pace»,
la missione dei frati francescani a congresso


Custodi dei luoghi della cristianità in Terrasanta, sono stati gli involontari protagonisti dell’assedio alla basilica della Natività e lì ogni giorno cercano di coniugare dialogo, evangelizzazione e riconciliazione. Sono i frati francescani “minori”, che seguono da otto secoli la Regola di San Francesco. Oggi sono presenti in tutto il mondo, che hanno diviso in 109 province, e contano oltre 16 mila “fraticelli” che in questi giorni hanno inviato alla Porziuncola di Assisi 142 delegati per eleggere il loro nuovo “ministro generale” e per discutere di pace, globalizzazione e dei compiti futuri che li attendono. - di (Ettore Maria Colombo)

Lo chiamano «fratello terremoto», ma non ci hanno pensato un minuto quando si è trattato di dare una mano ai bambini di San Giuliano di Puglia. E hanno attivato subito la loro rete locale fatta di eremi e conventi.

Quando invece, un anno fa, la chiesa della Natività divenne l’epicentro di un conflitto atavico e ancora oggi lontano dall’essere risolto, nonostante i tanti colloqui di pace, e per 39 terribili giorni venne occupata da 200 palestinesi e assediata dall’esercito israeliano, loro hanno «pensato e pregato all’uomo e lavorato per lui, senza guardare a razza o religione, per evitare un massacro», come ci spiega al telefono da Assisi padre Battistelli, custode dei luoghi della cristianità in Terrasanta.

Ora sono riuniti a congresso, naturalmente ad Assisi, a partire dal 26 maggio e fino al 21 giugno: l’evento è di quelli eccezionali perché il loro “congresso”, che si chiama Capitolo, si svolge ogni sei anni e raduna per la verifica, la programmazione e il rinnovo del loro governo interno gli oltre 16 mila frati che vivono e operano in 110 nazioni del mondo, diviso in 109 province e vice-province, 16 fondazioni e custodie dell’ordine. Stiamo parlando dei frati francescani minori, la famiglia più grande e anche la diretta discendente dei tanti fraticelli che prendono il nome e l’esempio (cioè “la Regola” francescana) direttamente dal santo patrono d’Italia.

«L’identità del francescanesimo sta nel vivere il Vangelo nella chiesa secondo il modello osservato e proposto da san Francesco di Assisi e predicarlo ad ogni creatura», dice soave padre Pinto Ostuni, che cura per i frati minori i rapporti con i media, ma anche l’ordine francescano è passato attraverso difficili prove, una lunga storia e profonde ristrutturazioni interne. Dal ceppo originario, infatti, si sono formate tre tendenze, che hanno dato vita a tre rami giuridicamente indipendenti, all’interno della Chiesa, ma che seguono la stessa “Regola di vita”. Tre rami che hanno preso preso strade, governi e strutture proprie: i frati minori, i frati minori conventuali (che custodiscono il sacro convento di Assisi mentre i minori custodiscono la Porziuncola o chiesa di Santa Maria degli Angeli, molti altri eremi e luoghi della vita di San Francesco) e i frati minori cappuccini.

Ottocento anni fa, ai tempi di san Francesco di Assisi, andava così: i frati convergevano tutti alla Porziuncola perché il santo li voleva conoscere uno a uno e voleva che si conoscessero tra di loro. Il santo esortava, correggeva, ammoniva. I confratelli si rinfrancavano e si conoscevano tra loro, pregavano e ribadivano la loro fedeltà alla regola, voto di povertà sopra ogni altro.

Da allora l’ordine dei frati minori francescani è cambiato nel senso che si è così esteso da abbracciare tutto il globo, anche se a volte le “province” in cui è diviso l’ordine abbracciano più nazioni. Sono stati gli stessi frati “provinciali” a nominare i 142 delegati che si in questi giorni si ritrovano alla Porziuncola per il 185 esimo Capitolo generale e che, il 5 giugno, procederanno all’elezione del nuovo “ministro generale” dell’ordine. L’elezione deve ovviamente ottenere il gradimento papale (il delegato pontificio è il cardinale Jorge Medina Estevez, prefetto per la congregazione del culto divino, e i delegati saranno ricevuti in udienza dal papa), anche se i francescani vi sono sempre arrivati in maniera autonoma e libera, convergendo sul nome che raccoglie più consensi tra i delegati e che poi viene eletto all’unanimità.

Dal 1997 ad oggi a reggere l’ordine è stato padre Giacomo Pini, bolognese, forte di una lunga esperienza in Africa e a sua volta succeduto a un “generale” tedesco.

Sul nome del nuovo ministro non c’è il toto-candidato, ad Assisi, ma di certo sarà una figura di peso.

«I Capitoli sono grandi esperienze di fraternità forti di un ricco scambio di vita e di idee e che si svolgono in un clima di semplicità e letizia, sincerità e servizio», spiega padre Ostuni, che in questi giornate «intessute di preghiera e di ascolto della Parola di Dio» svolge la faticosa e delicata opera di tenere i rapporti con il mondo esterno. Ma è proprio grazie e in occasione dei Capitoli che i frati si ricollocano nell’universo culturale, ecclesiale e sociale del tempo in cui vivono. Non a caso, «comunicare, dialogare ed evangelizzare» sono stati i cardini della relazione di apertura del capitolo dei frati minori tenuta dal ministro generale uscente, padre Bini.

E in relazione ai temi della pace e della globalizzazione, che anche i francescani chiedono sia «più giusta e più umana» (lo dissero aderendo al percorso delle associazioni cattoliche che si trovarono a riflettere prima e dopo Genova e presero il nome di “Sentinelle del mattino”), padre Bini ha sottolineato come: «il mondo ha più che mai bisogno di persone pacificate, sagge e impegnate nel favorire la riconciliazione, la giustizia e la pace. La Regola e la Chiesa ci chiedono di essere di essere presenti attivamente, in minorità e fraternità, nei luoghi di frontiera». D’altra parte, se «comunicare, dialogare ed evangelizzare» costituiscono il trinomio perfetto, per i francescani, il tasto dolente resta quello dell’evangelizzazione proprio in luoghi come la Terrasanta dove, come nel caso dell’assedio della Basilica della Natività ma anche nella vita di tutti i giorni, dialogare è una scelta ardua. Lo dimostrano, racconta padre Battistelli, non solo gli attriti con il governo israeliano e alcuni media che li accusavano di “proteggere” i terroristi, accusa respinta con fermezza e con i fatti, ma anche con l’Islam.

Alcuni mullah, ricorda, avevano cercato di edificare una moschea proprio accanto alla basilica della Natività, con il placet del comune di Nazareth. Tentativo ora rientrato, ma causa di forti tensioni tra cristiani, ebrei e musulmani: «Le difficoltà e anche i drammi della nostra comunità, spesso senza cibo e senza lavoro, a volte invisa a tutte le autorità locali, non deve però farci mai recedere dal compito che ci è stato affidato: proteggere e custodire i luoghi santi. E anche i diritti dei 200 mila cristiani che in Terrasanta vivono e che abbisognano di aiuto e assistenza, possibilità di vivere e lavorare, di pregare e muoversi in libertà. Tutti diritti – sospira padre Battistelli – a rischio, anche se ora speriamo che si trovino davvero nuove strade di pace». Esili road map che potrebbero riavvicinare popoli ed eserciti in guerra.

-------------------------------------
La nazione 03.06.2003

ASSISI - Hanno preso il via
ASSISI - Hanno preso il via, per concludersi il 21 giugno 2003, i lavori del 185° Capitolo generale dell'Ordine dei Frati minori; si svolgono a Santa Maria degli Angeli, presso la Porziuncola.

Giovedì 5 giugno sarà eletto il Ministro generale sotto la presidenza del Delegato Pontificio Cardinale Jorge A. Medina Estévez.

Al capitolo partecipano 142 delegati, ed è convocato ogni sei anni per la verifica, la programmazione e il rinnovo del Governo dei 16.334 Frati che vivono ed operano in 110 Nazioni del mondo.


                   

help us


language nav language nav language nav language nav language nav language nav language nav
language nav language nav
language nav language nav language nav language nav language nav language nav language nav
language nav language nav language nav language nav
Designed and created by JA on 04.06.2003
Updated by JA for Communications Office - Rome
Best viewed with CSS and Javascript enabled browsers
Fill in our Guestbook Form - We appreciate your opinion