• Updated: Mon, Sep 4, 2000 - Tel. (39) 06684919 - eMail: postgen@ofm.org

  • Beato Giovanni XXIII
    Angelo Giuseppe Roncalli 

    Sommo Pontefice - Terziario francescano (1881-1963)
     

     

    Cronologia di Giovanni XXIII

     

    1881

  • novembre 25. Angelo Giuseppe Roncalli, di Giov. Batt. e di Marianna Mazzola, nasce a Sotto il Monte (Bergamo) in località Brusicco, nella cascina denominata Palazzo. E' battezzato lo stesso giorno dal parroco don Francesco Rebuzzini, nella chiesa di Maria Assunta. Padrino, il prozio Zaverio Roncalli, capo della famiglia, fratello di nonno Angelo.

    1885

  • novembre 21. Angelino, condotto dalla mamma, venera per la prima volta la Madonna delle Caneve, santuario campestre di Sotto il Monte.

    1889

  • febbraio 13. Riceve la cresima a Carvico, dal vescovo Gaetano Camillo Guindani; padrino, Giuseppe Ravasio.
  • marzo 31. Domenica laetare è ammesso alla prima comunione.
  • agosto 6. Condotto dal padre assiste alla seconda Festa federale dell'Azione Cattolica bergamasca a Ponte S. Pietro.

    1893-1900

  • Alunno del seminario di Bergamo.

    1895

  • giugno 24. Riceve l'abito talare. Inizia a scrivere il Giornale dell'anima.

    1898

  • agosto 28. Alla chiusura delle celebrazioni del XVI centenario di sant'Alessandro, patrono di Bergamo, assiste a Sant'Alessandro in Colonna alla messa e ascolta l'omelia del card. Giuseppe Sarto, patriarca di Venezia.
  • settembre 25. Muore don Francesco Rebuzzini.

    1899

  • settembre 17. A Ghiaie di Bonate Sopra, presso don Alessandro Locatelli, incontra per la prima volta mons. Giacomo Maria Radini Tedeschi, canonico vaticano.

    1900

  • settembre 11-20. Pellegrino a Roma per l'anno santo. Il 19 sosta ad Assisi, il 20 a Loreto.

    1901

  • gennaio 3. Ore 6.40 arriva a Roma, alunno del Seminario Romano, dov 'è rettore mons. Vincenzo Bugarini. Usufruisce di una borsa di studio della fondazione "Canonico Flaminio Cerasola".
  • novembre 30. Inizia il servizio militare di leva nel 73° fanteria, brigata Lombardia, caserma Umberto I (Bergamo), matricola n. 11331-42.

    1902

  • novembre 15. Licenza illimitata in attesa di congedo.
  • novembre 30. Conchiude il servizio militare con promozione a sergente. Riprende gli studi a Roma.

    1903

  • aprile 11. Ordinato suddiacono a S. Giovanni in Laterano.
  • luglio 20. Muore Leone XIII.
  • agosto 4. Elezione di Pio X. Assiste alla sfumata bianca.
  • agosto 9. Presenzia all'incoronazione del Papa.
  • dicembre 18. Ordinato diacono a S. Giovanni in Laterano.

    1904

  • luglio 13. Dottore in teologia. All'esame scritto funge da assistente il prof. d. Eugenio Pacelli.
  • agosto 10. Ordinato sacerdote a S, Maria regina coeli in Monte Santo (Piazza del Popolo) da mons. Giuseppe Ceppetelli, patriarca titolare di Costantinopoli, vicegerente.
  • agosto 11. Celebra la messa nelle Grotte Vaticane. Verso mezzogiorno viene presentato a Pio X dal vicedirettore Spolverini.
  • agosto 15. Sotto il monte, canta messa a S. Maria di Brusicco.
  • novembre. Intraprende gli studi giuridici a Roma, all'Apollinare.

    1905

  • gennaio 8. Beatificazione di Giovanni M. Vianney, curato d'Ars. Nel pomeriggio, dopo la cappella papale in San Pietro, si diffonde la notizia della nomina del canonico vaticano Giacomo Maria Radini Tedeschi, vescovo di Bergamo.
  • gennaio 9. Mons. Bugarini presenta don Angelo Roncalli al vescovo eletto.
  • gennaio 29. Nella Cappella Sistina, Pio X ordina vescovo mons. Radini Tedeschi; Don Angelo, nominato suo segretario, funge da cappellano comune e tiene l'evangeliario sulla spalle dell'ordinando.
  • aprile 9. Ingresso del Vescovo a Bergamo.
  • aprile 30-maggio 18. Partecipa al XV pellegrinaggio naz. it. a Lourdes.
  • dicembre 8. Il Vescovo dà inizio alla visita pastorale, di cui d. Angelo è segretario-convisitatore.

    1906

  • gennaio 29. A Sant'Alessandro in Colonna tiene il panegirico di s. Francesco di Sales.
  • febbraio 23. A Milano, negli archivi della curia arcivescovile improvvisa conoscenza del carteggio della Visita apostolica di san Carlo Borromeo a Bergamo (1575) e primi incontri con mons. Achille Ratti, prefetto della Biblioteca Ambrosiana.
  • settembre 12-ottobre 22. Partecipa al terzo pellegrinaggio naz. it. in Terra Santa.
  • novembre. Inizia l'insegnamento di storia ecclesiastica in seminario; più avanti assumerà anche la cattedra di apologetica, di teologia fondamentale, e successivamente di patrologia.

    1907

  • luglio 17-novembre 3. Economo spirituale di Sforzatica Santa Maria.
  • dicembre 4. Commemora il Cardinale Cesare Baronio, nel terzo centenario della morte.

    1908

  • settembre 8-20. Pellegrinaggio a Lourdes.

    1909

  • gennaio. Ha inizio la pubblicazione di La Vita Diocesana, periodico ufficiale del vescovo e della curia, tip. vesc. Seccomandi, via Pignolo 103. Direttore responsabile, il sac. Guglielmo Carozzi; redattore, d. Angelo Roncalli.
  • novembre 3. mons. Radini istituisce la Congregazione diocesana dei Preti del Sacro Cuore. Alla stesura delle regole collabora d. Angelo.

    1910

  • aprile 26-28. Si celebra il XXXIII Sinodo diocesano bergomense, di cui don Angelo è segretario sostituto.
  • ottobre 20. Con l'approvazione dei nuovi statuti diocesani dell'Azione Cattolica viene nominato presidente della quinta sezione. Presidente generale è Nicolò Rezzara.

    1911

  • luglio 30-agosto 12. Peregrinazione in Svizzera con soggiorno a Einsiedeln.
  • novembre 6. Viene accolto come membro esterno della Congregazione dei Preti del Sacro Cuore.

    1912

  • settembre 11. Pellegrino a Mariazell (Austria).
  • settembre 12-16. Soggiorna a Vienna, per il XXIII congresso eucaristico internazionale.
  • settembre 17. Cracovia. Celebra la messa in cattedrale. Visita le saline di Wieliczka.
  • settembre 19. Budapest. Celebra la messa nel tempio di San Pietro.
  • settembre 21. Viene pubblicata la lettera collettiva dell'episcopato lombardo: Il XVI centenario dell'editto di Milano e la libertà della religione nelle scuole. Il prof. don Angelo Roncalli ha redatto il testo su invito del suo Vescovo, col consenso del card. Ferrari.

    1913

  • giugno 22-30. Pellegrino a Roma per l'acquisto del giubileo straordinario indetto nel centenario costantiniano.

    1914

  • giugno 1-3. Coi superiori del seminario bergomense si reca alla Congregazione Concistoriale.
  • agosto 20. Muore Pio X.
  • agosto 22. Muore mons. Radini Tedeschi.
  • settembre 3. Elezione di Benedetto XV.

    1915

  • aprile 11. Ingresso a Bergamo del vescovo Luigi Maria Marelli.
  • maggio 23. Richiamato in servizio militare, come sergente di sanità.
  • maggio 24. Si presenta al centro di raccolta di Sant'Ambrogio a Milano. Viene destinato a Bergamo.

    1916

  • marzo 28. Cappellano militare dell'ospedale succursale di riserva di Bergamo, detto Ricovero nuovo, e di altri variamente distribuiti. Coordina l'opera di assistenza religiosa ai militari.
  • agosto 22. Esce il volume In memoria di mons. Giacomo M. Radini Tedeschi vescovo di Bergamo, Soc. Ed. S. Alessandro.
  • settembre 24. Presenta il libro a Benedetto XV.

    1917

  • marzo 5. Inaugura la "Casa del soldato" in via Solata.

    1918

  • novembre 25. Inaugurazione dell'attività alla Casa dello studente, a Palazzo Marenzi, in

    via S. Salvatore.

  • dicembre 10. Conchiude il servizio militare.

    1919

  • settembre 17. Nominato direttore spirituale del seminario.

    1920

  • settembre 9. Al VI Congresso eucaristico nazionale italiano che si celebra a Bergamo tratta il tema: "L'Eucaristia e la Madonna, amori del cristiano"
  • dicembre 10. Riceve il primo annuncio della chiamata a Roma.

    1921

  • gennaio 18. Roma. A Propaganda Fide, inizia il suo servizio di presidente del Consiglio centrale per l'Italia della Pont. Opera della Propagazione della Fede.
  • febbraio 2. Milano. Muore il card. arciv. Andrea Carlo Ferrari.
  • febbraio 7. Presenzia ai funerali del card. Ferrari.
  • marzo 15. Canonico onorario del duomo di Bergamo.
  • aprile 1. Dà inizio alle peregrinazioni attraverso le diocesi d'Italia per diffondere l'ideale missionario e organizzare l'Opera della Propagazione della Fede.
  • maggio 7. Prelato domestico di Sua Santità.
  • novembre 13. In via Volturno inizia vita in comune con mons. Vincenzo Bugarini, antico rettore del Seminario Romano.
  • dicembre 17-30. Viaggio in Francia, Belgio, Olanda e Germania per incontri coi vari Consigli nazionali dell'Opera della Propagazione della Fede.

    1922

  • gennaio 22. Muore Benedetto XV.
  • febbraio 6. Elezione di Pio XI.
  • giugno 13. Muore a Roma padre Francesco Pitocchi, redentorista, già suo direttore spirituale al Seminario Romano.
  • novembre 2-28. Si reca in visita a diocesi della Calabria, delle Puglie e Campania.

    1923

  • maggio 1-28. Visita tutte le diocesi della Sicilia.
  • novembre 11-16. Visita alcune diocesi della Basilicata e delle Puglie.
  • novembre 26-30. Visita diocesi della Campania.

    1924

  • febbraio 14. In casa sua, a Santa Maria in via Lata, muore mons. Vincenzo Bugarini.
  • novembre. Nominato professore di patristica al Pont. Ateneo Lateranense.

    1925

  • marzo 3. Nominato Visitatore Apostolico in Bulgaria ed elevato all'episcopato con il titolo di Areopoli.
  • marzo 19. A San Carlo al Corso ordinato vescovo dal card. Giovanni Tacci segr. della congregazione per la chiesa orientale; conconsacranti i monsignori Francesco Marchetti Selvaggiani e Giuseppe Palica.
  • aprile 21. Dal barone Gian Maria Scotti, proprietario della casa, ottiene in affitto, a Sotto il Monte, alcune camere a Camaitino, sua dimora estiva sino al 1958.
  • aprile 25. Arriva a Sofia.
  • maggio 20. Inizia le sue peregrinazioni attraverso la Bulgaria.
  • agosto 26. Sofia. Compie visita di cortesia al Santo Sinodo bulgaro.

    1926

  • dicembre 5. Roma (San Clemente). Assiste alla ordinazione episcopale di mons. Stefano Cirillo

    Kurteff, vesc. tit. di Briula, esarca apostolico per i bulgari cattolici di rito bizantino.

    1927

  • gennaio 27-febbraio 2. Ospite della delegazione apostolica di Istanbul.
  • agosto 20. Incontro con l'arciv. Stépanosse Hovagnimian, del titolo di Nicomedia, metropolita degli armeni in Bulgaria.

    1928

  • aprile 14. La Bulgaria è devastata dal terremoto.
  • dicembre 20-24. Esercizi spirituali a Bebek (Istanbul). Subito dopo inizia la visita apostolica ai cattolici georgiani di Turchia che si concluderà il 5 febbraio 1929.

    1929

  • agosto 20. Celebra a Sofia il XXV anniversario di ordinazione sacerdotale.
  • agosto 13-16. Praga. Visita la città e altre località della Cecoslovacchia.
  • agosto 17-21. Soggiorna in Polonia. Visita Czestochowa, Varsavia, Poznan, Gniesno.
  • agosto 22-24. Sosta a Berlino. Fa visita al nunzio apost. Eugenio Pacelli.
  • settembre 21. Sotto il Monte. Consacra la chiesa parrocchiale.

    1930

  • settembre 8-10. Soggiorna a Parigi. Si incontra col nunzio Luigi Maglione.
  • ottobre 25. Ad Assisi re Boris III sposa Giovanna di Savoia.

    1931

  • giugno 11-18. Ospite della delegazione apostolica di Istanbul per le celebrazioni del VII centenario della morte di s. Antonio da Padova.
  • settembre 26. Nominato primo delegato apostolico in Bulgaria.

    1933

  • gennaio 13. Nasce Maria Luisa, figlia di re Boris e di Giovanna.
  • ottobre 17-24. A Roma acquista le indulgenze del giubileo nel XIX centenario della Redenzione.

    1934

  • settembre 11. Sofia, presenzia al ricevimento offerto da re Boris ai partecipanti al IV congresso di studi bizantini. Si incontra col metropolita Stephan Gheorghiev.
  • novembre 24. Viene trasferito alla delegazione apostolica di Turchia e Grecia e nominato amm. apost. per i latini di Costantinopoli.
  • novembre 30. Il titolo di Areopoli gli viene mutato in quello arciv. di Mesembria.

    1935

  • gennaio 4. Parte da Sofia.
  • Gennaio 5. Arriva alla delegazione apostolica di Istanbul.
  • maggio 2-12. Prima peregrinazione in Grecia e isole.
  • luglio 28. A Sotto il Monte, muore Giovanni Battista Roncalli.

    1936

  • gennaio 12. Dà inizio all'esposizione catechistica domenicale a Santo Spirito, e alla recita in lingua turca del Dio sia benedetto.
  • aprile 18-maggio 29. Grecia.

    1936

  • maggio 17-20. Soggiorna a Monte Athos.
  • agosto 30-settembre 2. In Grecia.
  • settembre 25. Presenta a Pio XI il primo volume degli Atti della visita apostolica di s. Carlo Borromeo a Bergamo.

    1937

  • maggio 3-8. Visita i monasteri di Yalova, Gemlik, Bursa dell'Asia Minore. Ed inoltre si reca a Nicea e a Mudanya.
  • maggio 29-giugno 4. In Grecia.
  • luglio 25. Conferisce l'ordinazione episcopale a mons. Antonio Gregorio Vuccino, vescovo di Syra.
  • agosto 6-30. Visita le isole di Tinos, Délos, Syra, Corfù. Poi Patrasso, Aghia Laura, Olympia, Sparta, Messenì, Tripolis.

    In mare, verso Patrasso, sulla nave Kefalinìa si incontra con l'arciv. di Atene, Giovanni Crisostomo Papadopulos.

    1938

  • gennaio 30. Celebra il XV centenario della traslazione dalla Cappadocia a Costantinopoli delle reliquie di s. Giovanni Crisostomo.
  • febbraio 20. Conferisce l'ordinazione episcopale a mons. Giuseppe Descuffi, arciv. di Smirne.
  • marzo 6. Dà inizio alla visita pastorale del vicariato apost. di Istanbul.
  • novembre 1-10. In Grecia: visita Volo, le Meteore, Tebe, Calcide.

    1939

  • febbraio 10. Muore Pio XI.
  • marzo 2. Elezione di Pio XII.
  • febbraio 20. A Sotto il Monte, muore mamma Marianna Mazzola Roncalli.
  • maggio 27. Al Fanar, rende visita al patriarca Beniamino.
  • giugno 1-6. Beyrouth. Presenzia al congresso eucaristico presieduto dal card. Eugenio Tisserant.
  • giugno 7-10. Pellegrino in Palestina, visita Gerusalemme, Giaffa, Palmira, Homs, Aleppo.
  • luglio 15. Pubblica il volume Gli inizi del seminario di Bergamo e San Carlo Borromeo. Note storiche con una introduzione sul Concilio di Trento e la fondazione dei primi seminari, Soc. Ed. S. Alessandro, Bergamo.

    1940

  • gennaio 11-20. aprile 20. maggio 10. In Grecia.

    1941

  • giugno 27-luglio 8. A Sofia. Incontra il metropolita ortodosso Stephan, i Sovrani e membri del governo.
  • luglio 8-ottobre 7. Visita la Grecia devastata dalla guerra. Il 10 settembre incontra il metropolita Damaskinos arciv. di Atene.
  • dicembre 15. Fa appello ai cristiani di Turchia per soccorrere i bimbi greci.

    1942

  • marzo 7-27. In Bulgaria e Grecia.
  • maggio 30-luglio 31. In Grecia.
  • novembre 15-dicembre 21. In Grecia.

    1943

  • marzo 22. All'ambasciata dell'Urss per sollecitare notizie sui prigionieri di guerra.
  • maggio 22. Attraverso visti di transito, riesce a mettere in salvo, come già altre volte, ebrei altrimenti destinati ai campi di sterminio.

    1944

  • dicembre 6. Comunicazione riservata della sua nomina a nunzio apostolico a Parigi.
  • dicembre 22. Riceve il biglietto di nomina.
  • dicembre 23. Parte da Istanbul.
  • dicembre 24-27. Natale ad Ankara.
  • dicembre 27-28. In aereo: Cairo, Bengasi, Napoli, Roma.
  • dicembre 29. Udienza di Pio XII.
  • dicembre 30. Arrivo all'aeroporto di Villacoublay.

    1945

  • gennaio 1. Presenta le credenziali; poi a nome del corpo diplomatico, porge gli auguri di capodanno al gen. Charles de Gaulle presidente del governo provvisorio della repubblica francese.
  • giugno 22-27. Lione. Per il VII centenario del I Concilio Ecumenico Lionese. Visita Ars e l'abbazia di Cluny.
  • settembre 18. Visita prigionieri di guerra tedeschi a Chartres, con particolare riguardo i numerosi seminaristi. Assecondando lo zelo del sac. Franz Stock, con l'aiuto della Santa Sede e la collaborazione di ecclesiastici insegnanti venuti dalla Germania, può avviare in quel campo di concentramento corsi regolari di studio teologico e di formazione ecclesiastica.

    1946

  • febbraio 23-24. A Lisieux per festeggiare il giubileo d'oro di professione religiosa di Celina, sorella di s. Teresa di Gesù Bambino.
  • marzo 1-4. A Tolosa reca la berretta cardinalizia al card. Saliège.
  • giugno 11. Conferisce la ordinazione episcopale a mons. Alfredo Pacini arciv. tit. di Germia.

    1947

  • gennaio 16. Versailles. Come decano del corpo diplomatico assiste alla proclamazione di Vincent Auriol a presidente della repubblica.

    1948

  • giugno 12-15. A Nantes e Pontchâteau alle feste per la canonizzazione di s. Luigi Grignion di Montfort.

    1949

  • giugno 29. A Notre-Dame di Parigi, nella vacanza della sede per la morte del card. Emanuele Suhard, ordina quarantanove sacerdoti.

    1950

  • febbraio 15-23. In Belgio e Olanda, con soggiorno alle nunziature apostoliche di Bruxelles e L'Aia. Visita Namur, Lovanio, Malines, Anversa, Gand, Bruges, Schotenhof, Amsterdam, Rotterdam.
  • marzo 18-aprile 15. Viaggio in Africa. Arrivo ad Algeri con la motonave "La ville d'Oran" il 19 marzo, nel XXV della sua ordinazione episcopale.
  • aprile 16-20. Visita alcune località e santuari della Spagna.
  • settembre 10. All'Isola di s. Lazzaro di Venezia incontra per la prima volta il suo futuro segretario d. Loris Capovilla.
  • novembre 1. Roma. Presenzia alla proclamazione del dogma dell'assunzione di Maria in cielo.

    1951

  • luglio 11. Primo suo intervento all'Unesco in veste di osservatore della Santa Sede.

    1952

  • agosto 30-settembre 1. Visita la Savoia nel CCCL anniversario della ordinazione episcopale di san Francesco di Sales.
  • novembre 10. Essendo gravemente malato il patriarca di Venezia, Pio XII chiede a mons. Roncalli di accettare la promozione a quella sede, quando essa si rendesse vacante.
  • novembre 29. Annuncio della elevazione al cardinalato.
  • dicembre 28. Muore mons. Carlo Agostini, patriarca di Venezia.

    1953

  • gennaio 12. Creato cardinale.
  • gennaio 15. Riceve la "berretta" all'Eliseo da Vincent Auriol, presidente della repubblica francese. Nello stesso giorno, Pio XII annuncia in concistoro la promozione del neocardinale a patriarca di Venezia.
  • marzo 15. Domenica laetare. Celebra la messa all'altare del beato Gregorio Barbarigo nella cattedrale di Padova. Nel pomeriggio fa solenne ingresso a Venezia.
  • agosto 26. Bergamo. Ordina vescovo mons. Giacomo Testa, delegato apostolico in Turchia e Grecia, arciv. tit. di Eraclea di Europa.
  • settembre 11-13. Torino. Partecipa al Congresso eucaristico nazionale. La sera dell'11 al teatro Alfieri tiene un discorso sul tema: "L'Eucarestia fondamento di solidarietà e di pace sociale".
  • settembre 20. Venezia. Nella chiesa dei Carmini conferisce l'ordinazione episcopale al suo ausiliare mons. Augusto Gianfranceschi, vescovo tit. di Emeria.
  • settembre 26. Somasca (Bergamo). Consacra l'altare della cappella "Maria, madre degli orfani".
  • ottobre 29. Castel Gandolfo. Riceve il "cappello" cardinalizio.

    1954

  • febbraio 28. Venezia. Dà inizio alla visita pastorale.
  • maggio 28-giugno 1. Roma. Presenzia alla canonizzazione di san Pio X.

    1954

  • luglio 8-15. Lourdes. Presiede il pellegrinaggio triveneto.
  • luglio 16-28. Pellegrinaggio in Spagna.
  • agosto 29. Incorona la Madonna del Bosco (Imbersago, Como).
  • ottobre 19-25. Libano. Legato pontificio al congresso nazionale mariano libanese.

    1955

  • settembre 5. Venezia. Dà inizio alle celebrazioni per il V centenario della morte di s. Lorenzo Giustiniani.

    1956

  • maggio 4. Lecce. Al XV Congresso eucaristico nazionale tiene una lezione sul tema: "La santa Eucaristia e la vita sociale".
  • maggio 9-15. Fàtima. Presiede le celebrazioni nazionali del XXV ann. della consacrazione del Portogallo al Cuore immacolato di Maria. A Lisbona visita la comunità italiana.
  • settembre 5. Chiusura delle celebrazioni centenarie di s. Lorenzo Giustiniani, che nel corso dell'anno sono state onorate dalla presenza e parola dei cardinali Lercaro, arciv. di Bologna, Piazza, segr. della congregazione concistoriale, Siri, arciv. di Genova, Feltin, arciv. di Parigi, e di mons. Montini, arciv. di Milano.

    1957

  • febbraio 17. Al teatro regio di Parma commemora nel XXV della morte mons. Guido Maria Conforti, vescovo di quella sede episcopale e fondatore dell'Istituto Saveriano per le missioni estere.
  • settembre 18. Palermo. Tiene la prolusione alla VII settimana di preghiera e studi dell'associazione per l'Oriente cristiano.
  • novembre 24. Venezia. Riconsacra l'altare maggiore della basilica di San Marco, e dà inizio al XXXI sinodo diocesano che si celebra nei successivi giorni 25-27.

    1958

  • marzo 2-3. Si reca a Milano per la traslazione dei resti mortali di mons. Angelo Ramazzotti, già patriarca di Venezia e confondatore del Pont. Istituto delle missioni estere.
  • marzo 24-25. Lourdes. Consacra il tempio sotterraneo di San Pio X.
  • agosto 26. Celebra per l'ultima volta al santuario delle Caneve di Sotto il Monte.
  • agosto 28. Si congeda dalla sua parrocchia nativa.
  • settembre 18. Castelfranco Veneto. Presiede la celebrazione triveneta nel centenario della ordinazione sacerdotale di Pio X.
  • ottobre 9. Morte di Pio XII.
  • ottobre 12. Parte per il conclave.
  • ottobre 25. Entra in conclave.
  • ottobre 28. Eletto papa, assume il nome di Giovanni XXIII.
  • novembre 3. La nobile famiglia Scotti-Guffanti dona al papa le camere da lui abitate a Camaitino. Il governo italiano concorre all'acquisto di tutto il complesso perché se ne faccia un memoriale del "figlio della campagna" elevato al servizio della Chiesa universale.
  • novembre 4. Incoronazione.
  • novembre 21. Prima uscita dal Valicano per recarsi a Castel Gandolfo.
  • novembre 23. Presa di possesso dell'Arcibasilica Lateranense.
  • novembre 30. Celebra la messa al Collegio Urbano di Propaganda Fide, sul Gianicolo.
  • Natale. A mezzanotte nella Cappella Paolina celebra la messa per il corpo diplomatico; alle 11 la dice a San Pietro. Poi si reca a visitare gli ammalati degli ospedali Santo Spirito e Bambino Gesù.
  • dicembre 26. Visita i carcerati di Regina caeli.
  • dicembre 27. Nella Basilica Vaticana conferisce l'episcopato al card. Domenico Tardini e ai prelati Giuseppe Ferretto, Carlo Grano, Angelo Dell'Acqua, Mario Casariego, Albino Luciani (futuro Giovanni Paolo I), Carlo Msakila, Gius. Filiberto Cornelis.

    1959

  • gennaio 25. A San Paolo fuori le Mura dà l'annuncio della celebrazione del primo sinodo per la diocesi di Roma e del XXI concilio per la chiesa universale.
  • febbraio 22. Presiede la stazione quaresimale a s. Maria "in Domnica". Rinvigorisce con la sua presenza l'antica pratica delle "stazioni", proseguendola nelle domeniche seguenti e poi negli anni successivi.
  • aprile 16. Al Laterano celebra il DCCL anniversario della regola francescana.
  • Maggio 11. Venera in Piazza San Pietro le spoglie di san Pio X e di san Giovanni Bosco.
  • giugno 29. Prima lettera enciclica Ad Petri cathedram.

    agosto 1. Lettera enciclica Sacerdotii nostri primordia nel centenario della morte del santo Curato d'Ars.

  • agosto 25. Visita i santuari Mater Boni Consilii a Genazzano e San Francesco a Bellegra sui monti Prenestini.
  • settembre 26. Lettera enc. Grata recordatio sulla devozione del rosario.
  • ottobre 11. In San Pietro consegna il Crocifisso a 510 missionari.
  • novembre 28. Lettera enciclica Princeps pastorum nel XL anniversario della Maximum illud di Benedetto XV.

    1960

  • maggio 26. Al Laterano. Canonizzazione di san Gregorio Barbarigo.
  • luglio 1. Lettera apostolica Inde a primis sulla devozione al Preziosissimo Sangue.
  • settembre 12. Si reca a Roccanfica in Sabina per avviare di là con gli alunni del Seminario romano la supplica dei seminaristi di tutto il mondo per il Concilio.
  • settembre 23. Visita il protocenobio di Subiaco.
  • settembre 29. Lettera apostolica Il religioso convegno per la recita del rosario, e appendice di Piccolo saggio di devoti pensieri distribuiti per ogni decina del rosario con riferimento alla triplice accentuazione: mistero, riflessione e intenzione.
  • novembre 13. Presiede in San Pietro la divina liturgia di rito bizantino slavo.

    1961

  • maggio 15. Lettera enciclica Mater et Magistra nel LXX anniversario della Rerum Novarum.

    settembre 19. Visita le catacombe di San Callisto.

  • novembre 11. Lettera enciclica Aeterna Dei, nel XV centenario della morte di san Leone

    Magno.

  • novembre 4. Celebrazioni anticipate dell'LXXX compleanno.
  • novembre 25. Ottantesimo genetliaco. Telegramma di Nikita Kruscev.
  • dicembre 25. Promulga la lettera apostolica Humanae salutis, con cui indice per il 1962 il Concilio Ecumenico Vaticano Il.

    1962

  • gennaio 6. Esortazione apostolica Sacrae laudis, per la recita dell'ufficio divino all'intenzione del Concilio.
  • febbraio 2. Col motu proprio "Consilium" annuncia per l'11 ottobre l'inizio del Concilio.
  • maggio 3. Lettera pontificia Amantissimo Patris consilio, nel XL anniversario del motu proprio "Romanorum Pontificum".
  • luglio 1. Lettera enciclica Paenitentiam agere, per fervida preghiera e mortificazione in vista del Concilio.
  • luglio 2. Lettera Il Tempio Massimo per invitare le monache e le religiose a speciali preghiere per il Concilio.
  • settembre 6. Col "motu proprio" Appropinquante Concilio, promulga il regolamento dell'assise ecumenica.
  • settembre 23. Primo annuncio del morbo che ha colpito la sua forte fibra.
  • ottobre 4. Pellegrinaggio a Loreto e Assisi.
  • ottobre 11. Con splendore di riti e con parola ispirata di pastore e di profeta dà inizio al Concilio Ecumenico Vaticano Il. A sera discorso al popolo lietamente adunato in Piazza San Pietro per una festosa fiaccolata.
  • ottobre 12. Riceve nella Cappella Sistina le missioni straordinarie che hanno presenziato alla apertura del Concilio.
  • ottobre 13. Ancora alla Sistina riceve i giornalisti convenuti a Roma da tutto il mondo. Nel pomeriggio, nella sala del concistoro, riceve gli osservatori delle comunità non Cattoliche presenti al Concilio e gli ospiti del Segretariato per l'Unione dei cristiani.
  • ottobre 25. Durante la crisi dei Caraibi indirizza ai governanti un messaggio implorante esercizio e servizio di saggezza e di prudenza per la pace del mondo.
  • novembre 4. A S. Pietro, cappella in rito ambrosiano nell'anniversario della incoronazione. Durante la messa cantata dal card. Montini esalta l'impegno pastorale di san Carlo.

    Nel pomeriggio si reca a venerare il santo nella omonima basilica in via del Corso.

  • novembre 13. A Sant'Andrea al Quirinale si unisce all'episcopato polacco nella venerazione di san Stanislao Kostka.
  • novembre 25. Suo ottantunesimo compleanno. Celebra al Collegio Urbano di Propaganda Fide. Alle 11, presentati dal card. Wyszynski, riceve i vescovi polacchi presenti al concilio, tra i quali Karol Wojtyla, vescovo tit. di Ombi, vicario capitolare di Kracòw (futuro Giovanni Paolo II).
  • dicembre 8. Conchiude con un discorso la prima sessione del Concilio Vaticano II.

    1963

  • febbraio 10. Alla Clementina, presente il card. Montini, sottoscrive il decreto di introduzione della causa di beatificazione del card. Andrea Carlo Ferrari e benedice la prima pietra del nuovo seminario lombardo sull'Esquilino. A sera, accoglie l'arciv. maggiore Josyf Slipyj, reduce dall'internamento nell'Urss.
  • marzo 1. Viene conferito al suo nome il premio internazionale per la pace della "Fondazione Eugenio Balzan".
  • marzo 7. Riceve i coniugi Alexis Adjubei e Rada Krusciova.
  • marzo 18. Alla Clementina benedice la prima pietra dell'erigendo "Collegio missionario Giovanni XXIII" di Sotto il Monte.
  • marzo 19. Venera in S. Pietro il beato Luigi Maria Palazzolo sacerdote bergamasco, fondatore dell'Istituto delle Suore delle Poverelle.
  • aprile 9-10. Sottoscrive e promulga la Pacem in terris che reca la data dell'11 aprile, giovedì santo.
  • maggio 10. Nella Sala Ducale riceve il "Premio per la pace"; successivamente nella Basilica Vaticana commenta l'avvenimento, avvolgendosi nel mantello dei suoi antecessori di questo secolo.
  • maggio 11. Si reca al Quirinale.
  • maggio 17. Celebra per l'ultima volta la messa.
  • maggio 20. Nel suo ultimo giorno di udienze riceve il card. Wyszynski.
  • maggio 31. Con animo lieto si prepara a tornare a Dio. Chiede e riceve i santi sacramenti e come antico e sereno patriarca pronuncia solenni e gravi parole.
  • giugno 3. Al termine della messa celebrata dal card. Luigi Traglia in Piazza S. Pietro, serenamente muore alle 19.45. La sua finestra dell'appartamento privato viene illuminata: "Lucerna eius est Agnus" (Ap 21,23).
  • giugno 6. Dopo tre giorni di ininterrotto pellegrinaggio di personalità e di fedeli, le sue spoglie vengono deposte nelle Grotte Vaticane.
  • giugno 17. Su proposta pni. In molte città d'Italia e del mondo si moltiplicano analoghi atti di omaggio.
  • giugno 21. Elezione di Paolo VI. Nel suo primo radiomessaggio, egli afferma di voler confinuare l'opera iniziata dal suo antecessore.
  • ottobre 28. Nella Basilica Vaticana, presente Paolo VI e i Padri conciliari, il card. Leo Iozef Suenens, arcivescovo di Mechelen-Brussel, commemora Giovanni XXIII.
  • dicembre 6. Il presidente degli Stati Uniti decreta la "medaglia della libertà" alla memoria di Giovanni XXIII e di John Kennedy.
  • dicembre 20. viene eseguita a Parigi, in prima esecuzione mondiale, la sinfonia corale Pacem in terris di Darius Milhaud, con testi musicati della omonima lettera enciclica.

    1964

  • gennaio 13. La Gazzetta ufficiale della repubblica italiana reca il decreto firmato dal presidente Antonio Segni, in forza del quale il comune nativo del Papa bergamasco si chiamerà d'ora innanzi "Sotto il Monte - Giovanni XXIII".

     



  • © Macmade on Mon, Sep 4, 2000 at 18:36:24 by John Abela ofm (Communications Office - Rome)
    HTML 3.0 compatible Java enabled browser required - Best viewed with Netscape at 640x480x67Hz
    Maintained by John Abela ofm and Gianfranco Pinto Ostuni ofm